Il tepore del piumone ci trattiene a letto e noi sembriamo ipnotizzati. Lasciare il letto è una violenza, ma la sveglia continua a suonare acuta e crudele, così bisogna abituarsi all'idea. Ripetete tristemente: “è lunedì e devo andare a lavorare”? Ma come si può sopravvivere al lunedì?

La risposta giusta è una bella “colazione da campioni”!

E si la colazione dei campioni, non è una leggenda, non è quella che consuma solo la nazionale di calcio e non è neanche solo un libro di Kurt Vonnegut.

Una colazione da campioni non è troppo pesante, né eccessivamente leggera, non è un'abbuffata, ma ci dona le giuste energie per affrontare una giornata pesante come il lunedì.

In francese si chiama “petit déjeuner”, la parola déjeuner vuol dire proprio uscire dal digiuno.

Insomma diamoci da fare!

Anche perché i medici, i ricercatori, i personal trainer e la mia nutrizionista, sono tutti dello stesso parere: la colazione è il pasto più importante della giornata. Soprattutto per gli sportivi, figuriamoci per noi che dobbiamo superare indenni il primo giorno della settimana.

Così vi toccherà svegliarvi prima ed entro un'ora dal vostro risveglio dovrete sedervi a tavola, banchettare con il vostro solito tazzone di latte, oppure con lo yogurt, con i cereali, ma non dimenticate la frutta, perché il nostro organismo ha bisogno di energia al risveglio e soprattutto se siamo un po' depressi per il fine settimana che ci ha lasciati.

Bere acqua appena svegli, vi aiuterà a drenarvi come si deve e dimenticare i bagordi del pranzo domenicale.

Insomma scegliamo con attenzione il nostro menù, così da coprire il 25% del nostro fabbisogno energetico quotidiano. Ci sono degli elementi che non possono non essere presenti perché la colazione sia equilibrata.

Iniziamo dalla bevanda, meglio se calda, perché non deve solo idratarci, ma deve riscaldarci. Abbiamo appena abbandonato il piumino, abbiamo bisogno di scaldarci sin dal primo sorso per dare una sensazione di benessere al nostro organismo: quindi che siano tè, cioccolata o caffè, va bene tutto. La cosa migliore sarebbe bere il latte perché abbiamo bisogno di calcio, necessario per le ossa, e delle proteine di elevata qualità che si trovano nei latticini. Quindi se non gradite il latte cercate di mangiare almeno yogurt o formaggi.

La frutta è la nostra alleata: un'arancia intera o una spremuta, oppure mandarini, mele, kiwi, banane. É vero l'inverno non ci lascia molta scelta ma voi prediligete frutta di stagione. La frutta è ricca di fibre, antiossidanti che ci aiutano a rimanere giovani e tornare in forma.

Poi bisogna pensare ai cereali, che siano nel pane, nei biscotti oppure proprio sotto forma di cereali. Ci forniscono le energie necessarie per superare la mattinata grazie agli zuccheri.

Ora che abbiamo capito che il succo e lo yogurt non sostituiscono la bevanda calda, vediamo qualche altro segreto.

É sicuramente vietato buttarsi su dolci confezionati e barrette da supermercato, cibi pieni di grassi e poveri di vitamine e cereali.

Non vi piace altro?

Almeno non mi saltate la colazione per favore che altrimenti mi si crea uno scompenso spaziotemporale, in cui i radicali liberi scompaiono insieme al calcio e alle proteine che ci danno la vitalità. Poi mi svenite a mezza giornata, diventate nervosi e cominciate a odiare non solo il lunedì, ma anche il martedì, mercoledì e il resto della settimana.

Nel caso preparate dei dolci fatti in casa. Se non siete capaci o non avete tempo basta cliccare su Ufoody per trovare: Biscotti ai cinque cereali senza zucchero, Biscotti BIO crusca d'avena Senatore Cappelli, Succo biologico di arancia 100%, Ferratelle, Crostata all'amarena, o all'albicocca, Torta cioccolato e arancia, oppure cioccolato e peperoncino, Plumcake al limone, o al cioccolato, confetture e marmellate come se piovesse.

Insomma possiamo fare colazione insieme.


shop-ufoody